09.01.2013 – Gli errori e le scelte scellerate dei caseifici non devono ricadere sugli allevatori

“Siamo preoccupati del fatto che ancora una volta si vuole scaricare sugli allevatori di latte di bufala le difficoltà che stanno attraversando molti caseifici.” Ecco quanto afferma Michele Pannullo, Presidente di Confagricoltura Campania.  “ Dal territorio giungono infatti notizie di richieste di abbassare il prezzo del latte per combattere le difficoltà dei caseifici con il chiaro intento di far pagare agli allevatori il conto delle scellerate scelte di pochi speculatori che la cronaca, da qualche mese ,ci racconta e gli errori di una parte della trasformazione.”  “Non è così – continua Pannullo – che si salva la mozzarella. Non continuando ad accettare la concorrenza sleale di alcuni trasformatori che danneggiano tutti, produttori,  trasformatori onesti e soprattutto i consumatori.  Si assiste infatti nella grande distribuzione a forbici di prezzo anche di € 1,50 dello stesso prodotto a fornitura, con lo stesso packaging e lo stesso posizionamento a scaffale. Come si spiega tutto questo? E gli organi deputati al controllo? Sono ormai quattro anni che Confagricoltura sta denunciando ciò. E sempre nel silenzio o quasi delle Istituzioni, del mondo della sana trasformazione e purtroppo anche nell’indifferenza di una parte, seppur minoritaria, del mondo agricolo. Pochi speculatori stanno rompendo un mercato che fino ad oggi ha consentito di creare occupazione e reddito nei nostri territori e che, senza di loro, avrebbe ancora maggiori prospettive di crescita.”

Commenti chiusi