29.11.2012 – Confagricoltura e Christie’s insieme per un’asta di solidarietà. Da Capaccio parte un lotto di 50 kg di mozzarella di bufala offerti dall’azienda “Il Tempio” di Gianluigi Barlotti

Rago (Confagricoltura Salerno): “Orgogliosi di partecipare attivamente da Salerno ad una lodevole iniziativa che mantiene accesi i riflettori sui danni del terremoto in Emilia ”.

 Tra i “capolavori” dell’agricoltura italiana che saranno battuti all’Asta di beneficenza organizzata da Confagricoltura e Christie’s per la ricostruzione dell’asilo di Mortizzuolo, una frazione di Mirandola, in provincia di Modena, che è stato distrutto dal terremoto, ci sarà anche un’eccellenza salernitana.

Con le bottiglie Magnum Sassicaia, di Amarone della Valpolicella e di Brunello di Montalcino, ai vini delle cantine dei marchesi Antinori e dei Frescobaldi, al Culatello di Zibello Dop, all’Aceto Balsamico Tradizionale e al Parmigiano Reggiano stagionato 108 mesi, saranno “battuti” anche 50 kg di mozzarella di bufala prodotti dalla azienda agricola di Gianluigi Barlotti “Il Tempio”, di Capaccio, che rappresenterà Confagricoltura Salerno in questa pregevole iniziativa. Al lotto di mozzarella verrà abbinato anche un week-end da trascorrere presso l’Hotel Ariston di Capaccio-Paestum.

“Siamo molto soddisfatti per la straordinaria rete di donazioni messa in atto dalle aziende di Confagricoltura, – ha dichiarato il presidente provinciale di Confagricoltura, Rosario Rago – e particolarmente orgogliosi di aver contribuito, da Salerno, con una delle nostre produzioni d’eccellenza più importanti. L’iniziativa con Christie’s, tra l’altro, ha anche il merito di mantenere accesi i riflettori sui problemi, non ancora risolti definitivamente, causati dal recente terremoto che ha colpito l’Emilia”.

Il lotto di mozzarella di bufala, che farà parte dei complessivi 40 lotti che saranno battuti all’asta il 1° dicembre a Bologna (Palazzo Albergati), sarà proposto nella sua interezza (50 kg) e sembra aver suscitato già grande interesse, particolarmente nel mondo dei più importanti chef nazionali.

Commenti chiusi